Claudio Franciosi

 

 

In questa sezione, la raccolta delle citazioni che compaiono in prima pagina

1. Se la nostra anima non ne trae una spinta migliore, se non abbiamo per questo il giudizio piu' sano, sarei altrettanto contento che il mio scolaro avesse passato il tempo a giocare a palla: per lo meno il corpo sarebbe piu' gagliardo    Michel de Montaigne, Saggi

2. Il rione dei mattatoi, eccellenza, perche' dalla camera di mia madre, con le finestre chiuse, piu' forte del suo cicaleccio, avevo sentito il ruggito dei bovini, quel muggito violento, rauco e fremente, che non e' quello dei pascoli, ma quello delle citta', dei mattatoi e mercati del bestiame     Samuel Beckett, Molloy

3. Cio' che i vecchi vi dicono che voi non potete fare, fatelo: cosi' scoprirete che invece ne siete capaci  D.H.Thoreau, Walden

4. Gli architetti sono i veri nemici dell'uomo moderno  Hans M. Enszensberger

5. Al giorno d'oggi, "onore" vuol dire sforzarsi di dire la verita', Gore Vidal

6. Durante una passeggiata il mio cane incappo' in una talpa che stava attraversando la strada. Le saltava continuamente addosso e la lasciava libera, poiche' e' ancora giovane e timido. Sulle prime mi ci divertii e soprattutto mi piacque l'agitazione della talpa, che era addirittura disperata e invano cercava un buco nel duro terreno della strada. Ad un tratto pero', percossa dal cane con la zampa tesa, si mise a gridare. Css css, cosi' gridava.

E allora mi parve... No, nulla mi parve   Franz Kafka, lettera e Max Brod, 28 agosto 1904

7.  Good theoretical science is done by a few dedicated people working alone or with one or two colleagues; this science does not need the large grants that have made prostitutes of most of us. Morton Gurtin, 2004 Timoshenko Medal Acceptance Speech

8. “La ‘reductio ad absurdum’ che Euclide amava è una delle più letali armi della matematica, anche più pericolosa del gambetto negli scacchi: uno scacchista può offrire in sacrificio un pedone o al massimo un pezzo, ma un matematico mette a rischio l’intera partita.”  Godfried HARDY

9. Solo Socrate, dopo un'intera vita di incessante lavoro, sapeva di essere ignorante. Ora lo sa ogni studente delle superiori. Come ha fatto a diventare cosi' facile? A. Bloom - La chiusura della mente americana, pag. 33

10. Cento artigiani, cento contadini, sono piu' saggi e piu' felici dei rettori delle Universita'  M.de Montaigne

11. Noi, dopo il definitivo trionfo finale, costruiremo latrine pubbliche d'oro, per mostrare a tutti gli uomini che cosa ha meritato quel metallo che ha avuto nella storia un ruolo talmente importante e fatale, Lenin

12.

13 . Pluralitas non est ponenda sine necessitate, Occam

14. Lo scimpanze' e l'orang-utan non si differenziano dall'uomo per quel che, parlando rigorosamente, chiamiamo intelligenza, ma perche' hanno assai meno memoria di noi, J.Ortega y Gasset, "La ribellione delle masse"

15. A Porta Palazzo, enorme esibizione di carni per la festa vicina (non ho voglia di nominarla, tanto sono nauseato di ritrovarmici in mezzo allo scadere di ogni anno) QUI VERO BUE DEL PIEMONTE NOSTRA MACELLAZIONE AGNELLO FRESCO PORCHETTA SARDA VITELLO DI CUNEO FARAONE FRESCHE COSTINE DI MAIALE CAPPONI SPENNATI SALSICCIONE NOSTRA SPECIALITA' Guido Ceronetti, Un Viaggio in Italia

16. Credo che non esista peccato se non l'ignoranza - Christopher Marlowe

17. The stronger the muscles of memory, the better guarded our integral self - George Steiner

18. Che la vita e' una merda, passi. Ma che uno debba anche godersela, e' un po' troppo. Altan

19. Gli uomini vengono al mondo come ai grandi raduni festivi: alcuni per fare affari, altri per partecipare alle lotte, i terzi come spettatori - Karl Loewith

20. La gente ha dissoluto tutto in facilita', e dalla facilita' nella piu' facile china;  ma e' chiaro che noi ci dobbiamo tenere al difficile - R.M. Rilke

21. Sta davanti allo specchio e si mostra i denti. Ormai ha paura solo di se' - Elias Canetti

22.  Diceva Dario Fo: "il padrone e' il padrone perche' conosce piu' parole. Ma ora, la nostra scuola attuale, non finisce per risultare uno straordinario strumento di segregazione classista perpetua, perche' insegna sempre meno "parole" a ceti ed utenti che si troveranno sempre di fronte, comunque, in ogni circostanza, gente che conosce piu' "parole" in italiano ed in aritmetica, nelle lingue straniere e nelle tecniche, in grammatica ed in storia, in sintassi ed in economia? - "In questo Stato", Alberto Arbasino

23. Ho notato che sono incapace di intendermi con chiunque sia marchiato dall'Universita'. Appena rintraccio il benche' minimo elemento didattico nella mente di qualcuno, considero inutile continuare il discorso. -  Cioran - Diari

24. Costruire una casa e' ormai un gioco da bambini, ed e' spaventoso pensare in quali mani sono le nostre citta'. Delle molte migliaia di architetti, ingegneri e urbanisti italiani, la maggioranza e' formata da gente irresponsabile ed analfabeta, e come tale piena di presunzione per quel minimo di cognizioni tecniche che a stento si e' procurata nelle universita': non abbiamo a che fare con uomini ma con un branco di scimmie. - Antonio Cederna, "Brandelli d'Italia"

25. Abbandonarsi ai propri pensieri per un'ora, ogni giorno, senza scopo: basta questo per rimanere qualcosa che assomigli ad un'uomo - Elias Canetti, La rapidita' dello spirito

26. Scese in sogno molte scale, uscendo poi sulla cima del Mont Ventoux - Elias Canetti - La provincia dell'uomo

27. La liberazione, la salvezza della ragione e della psiche umana, passano oggi per il rifiuto radicale di ogni tipo di organizzazione scolastica.
Mandare i figli a scuola e' la piu' terribile delle castrazioni - Konrad Lorenz a C.G.Jung (1950)

28. Il buon fisico, il fisico in quanto uomo buono. Che cosa dovrebbe significare? Einstein mentre suonava il violino? - Elias Canetti - Un regno di matite

29. Un tempo, ognuno era un asino di sua iniziativa, e lasciava il mondo in pace; adesso invece ci si considera colti, si imbastisce una "concezione del mondo" e si fanno prediche al prossimo senza ritegno. Nessuno vuol piu' imparare ed ancora meno tacere, meno che mai poi riconoscere il maggior sviluppo di un altro. C'e' da impazzire. - J. Burckhardt

30. Nei primi giorni di Zurau, Kafka annoto' queste parole: "O bella ora, magistrale stato, giardino inselvatichito. Tu svolti dalla casa e sul sentiero del giardino ti viene incontro la dea della felicita'" Dea che nomino' soltanto quella volta - Roberto Casasso,  K, pag. 338

31. Tra un albero e una casa, scegliete l'albero - Carlo Scarpa (architetto, 1906-1978)

32. Il mondo intero e' irrimediabilmente destinato a diventare pazzo, se non si produrra' un mutamento radicale nella nostra vita attuale - Forbes - Winslow, alienista e criminologo vittoriano

33. As Fichte put it, the University exists not to teach information, but to inculcate the exercise of critical judgement  - Bill Readings, "The University in Ruins"

34 - Cattedre pubbliche spettano soltanto alle scienze gia' costituite e realmente sussistenti, che occorre avere imparato per potere insegnare ad altri, e che in conclusione debbono essere soltanto trasmesse. - A. Schopenhauer - Sulla filosofia delle universita'

35 - E' questo, anzitutto, questo sdegnare le chiacchiere, che io chiamo cultura - Robert Walser

36 - Percio' vi dico: per la vostra vita, non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale piu' del cibo, ed il corpo piu' del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, non mietono, ne' ammassano nai granai: eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse piu' di loro? E chi di voi, per quanto si dia da fare, puo' aggiungere un'ora sola alla sua vita? E perche' vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo; non lavorano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Non affannatevi dunque per il domani, perche' il domani avra' gia' le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena  - Matteo, 6 25-34

37 - Vi annuncio che l'anno prossimo faro' i corsi obbligatori con la coscienza che vi ho sempre dimostrato; ma sono incerto sul fare dei corsi straordinari perche' gli studenti non sono buoni pagatori: vogliono sapere ma non vogliono pagare, conformemente a questo motto: "Tutti vogliono istruirsi ma nessuno vuole pagare il prezzo del sapere" - Odofredo, giurista di Bologna, XII secolo

38  - Tutto il passato universitario - "Ma hai lasciato per sempre?" "Come si fa? Avevo visto l'Aia, Harvard, Sciences-Po, la Sorbona. Ero abituato bene: luoghi dove il Sapere si avvicina e s'impara in ambienti illustri, eleganti, gradevoli, con biblioteche stupende e poca gente con molta voglia di studiare...

Ma qui a Roma ti trovi in sale d'aspetto tipo stazione, e sarebbe l'universita'... fra persone povere e bisognose con l'aspirazione a far gli impiegati nei Ministeri... Sognano la pausa per il pranzo ... Hanno l'ambizione de "il dottore e' fuori stanza"... Vengono a lezione una volta l'anno, per prendere la firma: ogni volta vedi dalla cattedra facce diverse, coi pacchi per partire, potresti fare per tutto l'anno la stessa lezione, e nessuno se ne accorgerebbe" - A. Arbasino, Fratelli d'Italia pag.685

39 - Se la vita ti sorride, vuol dire che ha avuto una paresi - Anonimo

40 - Life's but a walking shadow; a poor player

That struts and frets this hour upon the stage,

And then is heard no more; it is a tale

Told by an idiot, full of sound and fury,

Signifying nothing - Macbeth

41 - Voi montagne, voi montagne, vedete tutto e non siete ancora cadute su di noi - Elias Canetti - La provincia dell'uomo

42. Noi dovremmo starcene zitti dinanzi al Medioevo, non foss'altro perche' quei tempi non hanno lasciato ai loro discendenti nessun debito pubblico -  Jacob Burckhardt - Considerazioni sulla storia universale

43 - ... le bolle ectoplasmatiche dei conoscenti.

           Erano giovani, ed ora Ensor li ha chiamati

           ad una rassegna di mostri che digrignano i denti

           come scope sdrucite e torrioni smerlati

                                Angelo Maria Ripellino

44 - Ci sono due giovani pesci che nuotano e a un certo punto incontrano un pesce anziano che va nella direzione opposta, fa un cenno di saluto e dice: - Salve, ragazzi. Com'è l'acqua? - I due pesci giovani nuotano un altro po', poi uno guarda l'altro e fa: - Che cavolo è l'acqua? - David Forster Wallace - Questa e' l'acqua

45 - Bisogna affrettarsi, non bisogna perdersela la propria morte. La malattia, la miseria, che ti disperde le ore, gli anni, l'insonnia che ti imbratta di grigio giornate, settimane intere, ed il cancro che e' gia' forse li' e che ti sale, meticoloso e sanguinante dal retto - Celine - Viaggio al termine della notte

46 - Non raccapezzarsi era il suo orgoglio. Adesso e' debole, e tiene lo sguardo fisso sulla strada - E.Canetti - Il cuore segreto dell'orologio

47 - La crescita e' diventata il cancro dell'umanita' - Dominique Belpomme, Prima che sia troppo tardi, Parigi 2007

48 - Passati sono i tempi felici, ora si apprestano orrori. Di domani in domani, si deteriorano i giorni. La terra ha perduto la sua giovinezza - Mahabharata

49 - Istruzione obbligatoria? Ma che, siamo in Siberia? Ma perche' bisogna istruirsi? Su che cosa? E poi chi deve istruirmi? Lo Stato? E chi e' lo Stato ? - Carmelo Bene

50 - Ma lo splendore imponente delle citta' romane abbandonate in Siria, che enorme paragone mortificante per i nani italiani d'oggi, incapaci di costruire anche nelle periferie piu' piatte e vuote e pianificabili - A.Arbasino - Passeggiando tra i draghi addormentati

51 - Mi sono convinto che forse essere veramente triste, e veramente un po' alla deriva, non significava semplicemente che ero ridotto uno schifo - David Forster Wallace

52. Molti granelli di incenso sul medesimo altare: l'uno e' caduto prima, l'altro dopo. Non fa differenza. - Marco Aurelio

53. Il culto della scienza e' sempre meno sostenibile, quando la scienza viene trasformata in merce sotto forma di tecnoscienza da consumare -  Serge Latouche - "Come si esce dalla societa' dei consumi

54. Pagliacci dal viso di cera, con maschere di caolino,

     pagliacci di paglia d'acciaio, radici nasute,

     strakapouni con elmi punteggiati di coccinelle,

     mattaccini in bombetta, flaccide falde di frac

     corrono a stormo per la citta' addormentata

     in rauche carcasse dei giorni di Ridolini.

     Guanti bianchi balenano nel vischio nero,

     folle di foglie sbadigliano, un verde acquivento

                          A.M. Ripellino

55. Uno che ha il dono di essere dimenticato da tutti - Elias Canetti

56. Visto che ora siamo tutti intrappolati in questi fenomeni del Prodotto Nazionale Lordo, siamo obbligati ad accettare il carattere sacro di certe assurdita' o falsita' i cui alti sacerdoti fino a poco tempo fa erano considerati semplici ciarlatani e figure degne di derisione - spacciatori di latte di gallina - S.Bellow - Herzog

57. Dopo lo sbattere d'ali del fagiano argo, il ritmo di lavoro dell'umanita' moderna costituisce il piu' stupido esempio prodotto dalla selezione intraspecifica - Oskar Heinroth

58. Cognoscere est coire cum suo cognobili - Patrizzi

59. La democrazia va bene, ma al suo posto. L'insegnamento scientifico è però una faccenda di aristocrazia dello spirito - Max Weber

60. Di quando in quando, sfoglio un giornale. Le cose sembrano procedere a ritmo vertiginoso. Danziamo non già sul cratere di un vulcano, bensì sull'asse di un cesso il cui legno per giunta mi pare alquanto marcio. Ben presto la società finirà per piombare ed affogare in diciannove secoli di merda. Si sentiranno parecchie urla. - Gustave Flaubert

61. Dal fondo del carcere dell'impotenza alle supreme autorità del Paese della Vergogna: le famiglie dove si sacrificano la cultura e l'istruzione all' "in rosso" ed all' "in nero" del bilancio non possono finire bene; le comunità dove chi non lavora penalizza e danneggia chi sta facendo il proprio lavoro sono dannate al disastro; i "sacrifici" si facciano per l'istruzione e la cultura e il lavoro serio (cioè corrispondente alle attitudini) e non velleitario (cioè corrispondente ai narcisismi ed ai miti). Se invece si sacrificano l'istruzione e la cultura in favore del non-lavoro e della non-cultura con qualunque pretesto (difendere la Fede, verificare l'Ideologia, sostenere la Moneta), si va in merda e tanto peggio per tutti.

(Ripeterlo ostinatamente: "si va proprio in merda") - Alberto Arbasino, Un paese senza

62. Hamm - Poco fa c'era più allegria (Pausa) Ma è sempre così, alla fine della giornata, vero Clov?

Clov - Sempre

Hamm - E' una fine di giornata come tutte le altre, non è vero Clov?

Clov - Così pare

S. Beckett - Finale di partita

63. Estragone - Che strano, più si va avanti più fa schifo

      Vladimiro - Per me, è il contrario

      Estragone - Cioè?

      Vladimiro - Io mi abituo allo schifo man mano che vado avanti

      Estragone - (dopo aver riflettuto a lungo) E sarebbe questo il contrario?

S. Beckett, Aspettando Godot

64. La fretta e la preoccupazione guastano la vita. La generale concorrenza spinge ogni cosa alla massima rapidità, alla lotta per differenze minime - Karl Lowith

65 - Gentlemen, farewel

If I live till morning

Ile visit you:if not,

Faustus 's gone  to hel

(da G. Steiner Lessons from the Masters)

66. Ernst Renan makes of "let us be serious" the shibboleth of secondary and higher education - G. Steiner

67. Volle che gli spiegassi di nuovo tutto...il perchè...E il percome...Mica facile...Son cose fragili come ala di farfalla...Un nulla basta a sperderne i colori, ti si sporcano le dita. Che ci si guadagna? Non volli insistere

L.F. Celine, Morte a credito

68. Studiare: Stare seduti per ore in un luogo appartato, soli, scollegati da tutto il resto, con un libro aperto davanti, indugiando sulle parole, fino a memorizzare, cioè fino a quando quel che sta scritto nel libro non sia trasferito nel cervello e lì permanga se non per sempre, almeno il più a lungo possibile, e senza alcuno scopo immediato e concreto

P. Mastrocola

69. In Francia abbiamo preso l'abitudine di sporcare la carta con l'inchiostro prima di usarla per pulirci il culo - Celine

70. E' stato come non andarci per niente-

Celine era morto

Non c'era nessuno

sedersi al tavolino di un caffe'

era come attirare sguardi guardinghi dagli altri clienti

tutti sicuri di essere

piu' importanti

di te.

Il cibo era troppo caro per mangiare

Una bottiglia di vino ti costava

la mano sinistra.

Celine se n'era andato

E Picasso stava morendo.

Parigi era il niente piu' assoluto

Charles Bukowski

 

Torna